Biglietteria
Pagina iniziale

Biglietteria

ANTIGONE – Orari

15 – 16 giugno ore 21:00

17 giugno ore 19:00

Costo del biglietto: €5,00

Note di regia

ANTIGONE
di Jean Anouilh

«È pulita la tragedia. È riposante perché si sa non c’è più speranza; la sporca speranza.»

Chi è Antigone? … è una ragazza, figlia del re Edipo, capricciosa, viziata, con un pessimo carattere e soprattutto folle. Questo è il giudizio che Creonte suo zio, vorrebbe far tramandare ai posteri.

In effetti Antigone è una ragazza, diciamolo pure, scomoda perché ha la pessima abitudine di pensare, ma non si limita solo a questo, no. Lei ha la sfacciataggine di dire anche quello che pensa. Ma la colpa più pesante che grava sulla sua testa è che lei sa dire «NO». Si muove con disinvoltura nel mondo perché è forte del suo orgoglio e Creonte è a disagio di fronte a tanta fierezza e a tanto coraggio.

«Povero Creonte! …»

Creonte è il re di Tebe. Lui è il Potere. Vieta di dare sepoltura a Polinice, accusato di tradimento perché ha tentato di assediare la città. Antigone, sorella di Polinice, viola la legge imposta da Creonte.

Creonte è condizionato dalle aspettative del popolo. In un altro momento storico senza alcun problema avrebbe raccolto la richiesta di Antigone. Il suo quindi è un mero gesto politico. Quando Creonte le chiede perché ha TRASGREDITO la legge, lei risponde :« Per nessuno. Per me.» Antigone  non ha rispettato la legge semplicemente perché ha seguito un impulso individualista infatti in lei non c’è alcuna traccia delle preghiere agli dèi pronunciate invece dalla protagonista sofoclea. Ad Antigone quindi non resta altro che affrontare, non priva di ansia, il suo cammino verso la morte con la testa piena di mille domande, priva di libertà e soprattutto schiacciata da un mondo privo di senso, affollato da sagome e non più da uomini.

La voce di Antigone esaltò e commosse l’antico teatro di Atene. Così, a più di 2000 anni di distanza, oggi ancora mi commuove e mi esalta. Oggi, forse più che mai.

“Antigone” è la conclusione dello studio che quest’anno noi di Airots abbiamo affrontato sul mito di Antigone. Abbiamo intrapreso il nostro viaggio salpando dal pianeta Sofocle. Durante la navigazione abbiamo conosciuto il pianeta Brecht e infine, siamo approdati sulla terra di Jean Anouilh.

Anouilh rielabora la tragedia sofoclea per dare risalto all’opposizione tra individuo e potere. Il testo fu scritto nel 1942 a Parigi, quando la capitale francese, sotto il governo di Vichy, subì l’assedio nazista.

Giuliana Pisano

QUARTIERI AIROTS

Via Carlo De Cesare, 9
80132 Napoli

Telefono 081 184 98 998
Mobile 349 17 35 084
Email info@airots.it

I BIGLIETTI SONO ACQUISTABILI PRESSO QUARTIERI AIROTS TUTTI I GIORNI
DALLE ORE 11:00 ALLE 13:00 E DALLE ORE 16:00 ALLE 19:00
OPPURE
PUOI PRENOTARLI ONLINE QUI: